giovedì 19 settembre 2013

"La minchia a Los Angeles" di Gaetano Altopiano


Te l’avevo promesso. E io, mantengo le promesse. Sono partito col volo delle sette e cinquanta e arrivato col treno delle dieci. Los Angeles è magnifica: città ultramoderna piena di uomini che corrono, di donne che girano scalze, di auto talmente silenziose che rischi lo scontro a ogni incrocio. Ho aperto il cofanetto solo dopo essere rimasto solo con lei. L’albergo era situato in ottima posizione, e la vista sulla città incantevole. Passava un mare di gente sotto, sulla strada. Ottimo. Le faccio: non è roba mia, fai attenzione, me l’hanno prestata. E lei: non me ne importa, basta che scuci i soldoni. Ha aperto la finestra quel tanto che bastava a mettere fuori la canna, e: bum.