sabato 29 ottobre 2016

L’AGONE di Gaetano Altopiano









Recitando una parte che io stesso gli ho assegnato - come ho potuto, e perché? - l’antagonista cerca di portarmi sul suo proprio terreno. Mi sembra naturale, e lo è infatti, e nel nome del diritto alla difesa mi mostro quasi subito disposto alla trattativa. Apro il mio cuore alla possibilità che io abbia torto e lui ragione. O che, perlomeno, forse possiamo dividere al 50%. Tutte quelle volte che rischio di precipitare in inutili discussioni cerco di ricordarmelo, a mo’ di freno inibitorio. Meglio restare a casa. Il fatto è che in simili circostanze anch’io sarei antagonista dell’altro e in base al suddetto principio avrei diritto a un identico trattamento. Ma l’altro niente, mai, non ne ho incontrato che raramente disposti alla temperanza.