mercoledì 22 gennaio 2014

"Estetica" di Gaetano Altopiani

Uno, della bellezza che può dire. Si eredita, si conquista, si compra. Possibile, dunque, pensare possa essere fonte di serenità? Piuttosto è motivo di disperazione e di affanno. Chi la porta in eredità la considera sempre un peso, un ostacolo addirittura (la ragazza bella “come” la madre a esempio), raramente darà a questa il valore che gli altri invece le riconoscono. La conquista, in generale, porta in sé sempre qualcosa di equivoco: è un desiderio di possesso tanto forte da spingere anche ad atti che normalmente non ci si sognerebbe di mettere in pratica. Il detentore, perciò, sarà visto con diffidenza e lui stesso (nel timore di perdere ciò che ha raggiunto) vivrà soltanto di sospetto. Comprarla, poi, è quasi sempre un pessimo affare: tentando di fare colpo, ci si deve affidare agli esperti, a tecnici competenti, che, è risaputo, in estetica hanno gusti completamente diversi.