martedì 29 luglio 2014

"Chiasso" di Gaetano Altopiano


Prendiamo gli insetti: militarmente perfetti. Tendono per natura all’anonimato più radicale. Non fosse per quel frenetico battito d’ali, quel frinire incessante di zampette e di pinze, il fatale ronzio che rivela culicidi o mosconi, nessuno mai si accorgerebbe di loro e il processo di conquista del mondo avverrebbe nel più assoluto silenzio. Ma il chiasso li tradisce e sono destinati al fallimento. Proprio come questo fruttivendolo che cerca di conquistare in me un cliente: troppo ciarliero per i miei gusti.