sabato 25 febbraio 2017

IN THE WIND di Francesco Gambaro




La cosa più strana di questi nostri psicologi del tempo, è che registrano basse o alte pressioni, lo spiegamento delle nuvole con molte loro fotografie in primo piano, le piogge probabili e le schiarite, le giornate solatie ma: mai il vento. La variabile irragiungibile delle loro previsioni. Non sanno niente del vento perché il vento è Eolo, un dio che si imbestialisce quando e dove e contro chi vuole. Un terremoto aereo. Un anarchico sconfessatore di tutte le metereologie. Fingono di parlarne, ogni tanto, a freccette che vanno di qua e di là. Che qualche freccetta finisca nel loro cuore e che tornasse ogni mattina la sorpresa del vento.