domenica 27 novembre 2016

COME DISTRARRE IL KILLER CHE TI VUOLE UCCIDERE di Francesco Gambaro





Appena piombato in casa alle 22, prima che dalla sua pistola parta il colpo destinato al tuo cuore, pregarlo: solo un momento. Aprire l'armadietto dei medicinali, prendere la scatola del Cumadin, domandarsi oggi cos'è, 24 mi pare, allora una pillola e un quarto. Poi ingoiare e aspettare. Se il killer esita, confortarlo con questa affermazione: le cose da fare sono quelle che più ci stancano. Pensi, io questa pillola la dovevo prendere 5 ore fa. Fraternizzare. Invitare a gustare neonata viva delle tirreniche praterie di mare, condita con salicornia. Stappare un Glicine della ditta Corvo spruzzato di polvere pirica allo zafferano e aspettare. Quando il vostro killer sarà meno crudo della vostra neonata e bencotto del vostro vino, quando avrà adagiato la testa sul piatto, recuperate la sua pistola e sparatevi al cuore. Curandovi poi di riporla nella mano incolpevole del vostro killer distratto.