sabato 10 giugno 2017

SOLERESTE di Francesco Gambaro




Oddio signor giudice, in effetti non sapevo quando scendendo in cantina mio marito fosse seduto alla sua scrivania o morto sulla scrivania. Ma voi, signor giudice, solereste scendere in cantina ogni notte per verificare lo stato di mio marito che ci parla delle nocche, della sua sostanza astrale. Ogni notte, signor giudice.