mercoledì 22 ottobre 2014

"Hotel Mamiani" di Gaetano Altopiano


Ricerca della bellezza persino in una latrina, questo sì è ragionare. Bene. Si tenta la perfezione. Marmi, ottone, alabastro, il tutto nel migliore dei sincretismi: oggetti tanto diversi formano un corpo unico, si chiama bagno degli ospiti, e sembrano collocati per restare in eterno, pardon, per “passare alla storia”. Ricerca dell’attimo d’oro (direi di un buon quarto d’ora) a ogni costo. Con tanto di arte, ingegneria, calcolo statico. Ogni cacata qui sarà un’esperienza mistica. No? Proviamo.