mercoledì 16 dicembre 2015

L’ENERGIA DELL’ERRORE ( 2) di Gaetano Altopiano





Da non so più quanto tempo non vedevo questa persona. A.V. parrucchiere. 1980? Quando ci incontrammo la prima volta era magro e capellone, lo ricordo benissimo, oltre che elegante e raffinato, ora è un altro uomo. Anche la faccia è completamente diversa. E i modi. Incredibile: è un altro uomo. E’ probabile che io gli abbia fatto la stessa impressione, seppure mi sia controllato spesso negli ultimi trentacinque anni senza notare granché di diverso. Ma siamo sicuri che io e lui siamo io e lui?