martedì 29 marzo 2016

DISSE LA MADRE DI TUTTE LE CRAVATTE di Francesco Gambaro




Una cravatta non seppe più annodarsi. Aveva dimenticato la manualità volatile. Come un uomo che per mingere gli sfugga il mezzo di trasporto della minzione. Era una Ambassador Lanieri eppure non sapeva più darsi. Roteando finì per imbrogliarsi. Aveva un salvavita, non funzionò. Una cravatta ha bisogno di un nodo vero, che sappia ogni giorno realizzarsi in elegante veronica, disse la madre di tutte le cravatte. E la impiccò.