venerdì 20 novembre 2015

CORRENTECONTROCORRENTE di Gaetano Altopiano

Anche se sognare è una normalissima, banalissima umana prerogativa, farlo “professionalmente” è soltanto appannaggio di pochi. Soltanto pochi, infatti, riescono a metterci tanta passione e ancora meno sono quelli che di questo riescono a convincere gli altri (esiste persino un partito). Secondo alcuni si tratta di signori dotati di uno straordinario talento, temerari e imperterriti tanto da sollevare il clamore di chi li si osserva remare controcorrente. Per altri non sarebbero che persone confuse: hanno semplicemente sbagliato direzione.