sabato 28 novembre 2015

LA PAROLA PIU’ ANTICA di Gaetano Altopiano

Se c’è un momento in cui mi sento povero, è quello in cui faccio la doccia. Non c’entrano concetti come Pietas, la nudità del verme o il corpoacorpo con sé stessi, meno che mai quelle carezze che consolatoriamente mi concedo. Non è provare “pena per sé stessi”, non c’entrano gli umori corporali, quando mai. E’ il bagnoschiuma che non va: il suo ignobile odore di mela verde. Mi dà la nausea. La mia signora è un’ostinata economa: costa treecinquanta in meno di tutti gli altri e in più ha un quarto di prodotto in più. Come controbattere? Profondamente commovente, puntualmente mi viene in testa un verso di Wallace Stevens: “E’ la parola della povertà che più ci cerca. Più antica della parola più antica di Roma…”